Una statua commemorativa è stata donata dall’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Antonello Gagini” di Siracusa all’ospedale Umberto I per commemorare le vittime del Covid. Realizzata dagli studenti della classe quarta sezione Beni Culturali del Liceo Artistico, guidati dai professori Giacomo Lo Verso, Stella Chimirri e Silvana Mauceri è stata collocata nel corridoio del reparto Covid.

La cerimonia d’inaugurazione in mattinata, nell’area esterna antistante il reparto Covid, con un minuto di silenzio per ricordare le vittime del Covid, in occasione della Giornata nazionale, alla presenza, tra gli altri, del direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Lucio Ficarra, del direttore medico di presidio Paolo Bordonaro, del sindaco Francesco Italia, della dirigente scolastica Giovanna Strano, del presidente della Consulta comunale giovanile Nicolò Saetta, dei rappresentanti della sezione di Siracusa dell’associazione ‘Mogli Medici Italiani’, dei direttori dei reparti Covid Antonella Franco e Clara Pagana.

La statua rappresenta un mezzo busto di figura umana con il volto e il braccio protesi verso l’alto con la mano che stringe una mascherina, dalla cui base si protendono tante mani. Un omaggio simbolico ai tanti medici, infermieri, operatori sanitari che da due anni si battono in prima linea contro il virus. “Abbiamo voluto dare il segnale della nostra presenza accogliendo l’invito della Consulta comunale giovanile – dice Giovanna Strano – e i ragazzi si sono subito messi al lavoro per essere pronti . E’ un segnale importante perché i ragazzi hanno voluto riflettere su quale poteva essere il loro contributo proprio per cercare di guardare al futuro in modo positivo”. “Riceviamo tante donazioni – aggiunge il direttore generale dell’Asp di Siracusa Salvatore Lucio Ficarra – la gente di Siracusa è estremamente generosa nei confronti dell’Azienda sanitaria e lo è stata ancora di più in un periodo così difficile. L’esempio di studenti ed insegnanti ci dimostra che le nuove generazioni sono estremamente sensibili e consapevoli del lavoro che svolgono gli operatori sanitari anche per loro”. “Ringrazio l’azienda sanitaria, i medici, gli infermieri e tutti coloro che in modo eroico si sono spesi nella nostra città per tutelarci e per curarci”, afferma il sindaco di Siracusa Francesco Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *