“La luce nel mare”, la mostra fotografica di Emanuele Vitale in svolgimento  all’ex Convento del Ritiro in via Mirabella, è prolungata fino al 15 dicembre. La luce e il mare sono alla base della ricerca artistica di Emanuele Vitale, gli stessi elementi che a Siracusa da sempre “stimolano il pensiero e producono incessantemente la spinta verso nuove conoscenze. L’acqua come elemento del Mito e della Storia. Luce come identità cangiante nel corso dei secoli” (Dossier Siracusa capitale italiana della cultura 2024).

Ecco il motivo per cui l’Amministrazione Comunale ha fortemente voluto e incoraggiato questa mostra: “la ospitiamo con piacere per due motivi: per la qualità delle immagini e la loro forza evocativa; per i temi trattati, che spaziano dal mito alla denuncia ambientale, dai riferimenti filosofici a quelli dell’inconscio associati alle profondità marine. In questo senso Vitale … ha deciso di inserirsi in quel filone fecondo e inesauribile dell’arte concettuale utilizzando uno degli elementi più belli e misteriosi che Madre Natura ci ha dato associato alla luce. E il mare e la luce sono ingredienti capaci di produrre bellezza” (Francesco Italia, Sindaco di Siracusa).

Emanuele Vitale, riconosciuto in Italia e all’estero per la sua sorprendente produzione artistica, avrebbe ricevuto probabilmente apprezzamenti, gratificazioni e vantaggi maggiori se la sua prima personale fotografica fosse stata esposta in altri luoghi d’Italia e del mondo, dove le sue fotografie concettuali sono maggiormente conosciute e ammirate. Abbiamo voluto sfatare l’abusato stereotipo “nemo propheta in patria”, non vogliamo crederci e riteniamo invece giusto che la propria città, l’Amministrazione l’ha già ampiamento fatto, possa avere l’occasione di apprezzare e valorizzare un loro concittadino, che si inserisce a pieno titolo fra gli artisti siciliani in grado di avere una proiezione nazionale e internazionale, valorizzando i tratti distintivi che rendono unica la nostra città.  Ci rivolgiamo quindi ai giovani innanzitutto attraverso le scuole e i loro insegnanti, ci rivolgiamo alle associazioni culturali e professionali, ci rivolgiamo ai Siracusani, invitando tutti a vedere la mostra e a partecipare agli eventi collaterali.

Per la realizzazione  ci siamo avvalsi della collaborazione di affermati professionisti che, conoscendo l’arte fotografica di Emanuele da lungo tempo, in maniera veramente disinteressata hanno voluto dare il loro contributo. L’arch. Enrico Cesana (il suo studio a Monza lavora per prestigiose aziende Italiane) ha curato il progetto grafico del catalogo e ha dato i suoi preziosi consigli nella cura delle immagini per la promozione della mostra. Le stampe fotografiche sono state prodotte  da CDcromo,   fotolitista lombardo che lavora  per i più grandi fotografi italiani e internazionali. Romano Barluzzi, giornalista,  ha curato i testi e la loro revisione. L’Istituto d’Istruzione Superiore “L. Einaudi” di Siracusa ha dato un supporto tecnico e amministrativo  all’organizzazione complessiva. Un grazie veramente sentito a tutti  i soggetti e alle persone che, a vario titolo, ne hanno permesso la realizzazione.

Oggi, 3 dicembre,  alle ore 17,00,  presso la sede espositiva di via Mirabella 31, Giuseppe Gingolph Costa presenta “Il Diavolo sulla quarta corda” romanzo di Giovanna Strano, Dirigente dell’Istituto “A. Gagini”. Il duo Siraka, violino e chitarra, eseguirà musiche di Paganini.  

                                                                                                                          Vincenzo Marano

                                                                                                                      (Curatore della mostra)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.